Servizio di asporto: Chiarimenti sull’ordinanza N. 42

Servizio di asporto: Chiarimenti sull’ordinanza N. 42

Tra le novità introdotte dall’ordinanza N. 42 del 24 aprile, vi è la possibilità di usufruire di cibo per asporto. Questo servizio va a sommarsi a quello della consegna a domicilio che, attualmente, non è più in grado di far fronte alla mole di richieste proveniente dalla popolazione.

Il servizio di asporto può avvenire SOLO previa prenotazione anticipata, mediante mail o telefonata. Ogni esercente ha l’obbligo di tenere traccia delle prenotazioni avvenute, per rispondere in caso di eventuali controlli.

E’ possibile effettuare il servizio di asporto solo per cibi che possono essere confezionati e preparati mediante appositi supporti che ne consentano la consegna al cliente.

Il servizio di asporto prevede accessi contingentati nei locali, nel rispetto delle norme vigenti, ed è consentito solo all’interno del territorio comunale. Non vi sono limitazioni riguardo la possibilità di effettuare questo servizio nei giorni festivi.

E’ da ritenersi, comunque, vietata la consumazione in loco.

Per maggiori dettagli, scarica il file sottostante.

Chiarimenti-ordinanza-42-vendita-cibo-per-asporto.pdf (24 download)