Finanziamenti agevolati di importo limitato – Micro Credito (DGR 2216/2013)

Finanziamenti agevolati di importo limitato – Micro Credito (DGR 2216/2013)
Beneficiari: PMI industriali, artigiane, commerciali e di servizi in attività, finanziariamente ed economicamente sane ovvero deve risultare positiva la valutazione – sulla base della consistenza patrimoniale, della redditività e della capacità gestionale- sulla possibilità di far fronte agli impegni finanziari.Sono ammissibili alle agevolazioni le PMI operanti nei settori di seguito specificati (Rif. classifciazione ATECO 2007):
a) Legge Regionale 9 febbraio 2001, n. 5: PMI operanti nei seguenti settori: C, D, E, F, H, J, M72, A01.61.
b) Legge Regionale 17 gennaio 2002, n.2: PMI artigiane di tutti i settori.
c) Legge Regionale 18 gennaio 1999, n.1: PMI operanti nei seguenti settori: E38, G, H52.29, H53.20, I56, J59, J60.10, J60.20, J62, K66, L68, M69, M70, M71, M73, M74.20, M74.30, N77, N78, N79, N80, N81,N82,P85, R90.02, R92, R93, S95, S96.
Agevolazione: Consiste in un finanziamento bancario agevolato mediante l’utilizzo di due quote paritarie di provvista: una quota pari al 50% di fondi regionali a tasso zero ed una quota pari al 50% a tasso convenzionato.

Agli interventi del fondo si applica il regime “de minimis”.
Interventi: Il finanziamento agevolato può raggiungere il 100% dell’importo ammissibile, non può essere inferiore ad Euro 10.000,00 nè superiore ad Euro 50.000,00.

Tipologie di operazioni:
L’investimento deve riguardare operazioni di supporto finanziario a fronte dei pagamenti effettuati negli ultimi 24 mesi antecedenti la data della domanda di agevolazione per:

  • canoni di locazione relativi ai locali adibiti allo svolgimento dell’attività aziendale;
  • utenze: energia elettrica, acqua, gas, telefono fisso e connessione a reti telematiche;
  • rate di mutuo e/o canoni di leasing relativi ad operazioni finanziarie.

La durata dell’operazione va dai 36 ai 60 mesi (con un preammortamento max di 12 mesi)

Condizioni:
  • Tutte le sedi operative delle PMI devono essere ubicate nel territorio della Regione del Veneto.
  • Non sono ammissibili alle agevolazioni le PMI i cui bilanci risultino consecutivamente in perdita negli ultimi tre esercizi.
  • Non sono ammissibili alle agevolazioni, altresì, le operazioni agevolate per le quali l’importo richiesto risulti superiore al 120% del fatturato (realizzato mediante l’attività ordinaria) della PMI richiederente nell’ultimo esercizio.
  • Le eventuali commissioni a carico della PMI richiedente, applicate per l’attività di presentazione e perfezionamento della domanda di agevolazione, non potranno essere superiori allo 0,5% del finanziamento agevolato richiesto ed, in ogni caso, fino ad un massimo di Euro 200,00.

 PROROGATI I TERMINI AL 30/06/2018
DRG 1028 del  29-06-2016